My Mellin Blog

Scopri il blog
Parto e riparto

Careline servizio
Consumatori

800 73 73 40

Privacy Servizio Consumatori

Prendersi cura del neonato

Gli articoli degli esperti

Essere genitori è sempre stato uno dei compiti più difficili: non c'è alcuna scuola dove poterlo imparare se non l'esperienza diretta e anche dopo l'avventura del primo figlio ci si accorge che le situazioni cambiano: spesso si ridimensiona l'ansia ma ogni bambino è una storia a sé, unica e irripetibile. Cosa vuol dire allora prendersi cura di un bambino? Vuol dire certamente alimentarlo, accudirlo, soddisfarlo nelle sue esigenze ma anche e soprattutto aiutarlo a crescere, in tutti i sensi.

Significa mettere il suo organismo nella condizione di poter esprimere sempre al meglio le sue potenzialità e di poter vivere in piena salute e al tempo stesso favorire le prime esperienze di interazione con il mondo esterno. Se ci pensiamo, già il contatto con il corpo materno, di cui il neonato è in grado di riconoscere l'odore, è un primo evento importante, al quale si sommeranno poi innumerevoli sensazioni, finché non sarà il bambino a intraprendere volontariamente iniziative proprie e a comunicare ciò che sente o desidera.

L'alimentazione è un canale primordiale di confronto con il mondo esterno, e con lo svezzamento il piccolo raccoglierà ulteriori stimoli grazie ai quali organizzerà le proprie preferenze. Ma non dimentichiamo che essa è uno dei componenti dello stile di vita, che il bambino acquisisce dai grandi per imitazione. Ecco, allora, che prendersi cura acquista un significato molto più grande di quanto si possa immaginare sin dai primi mesi di vita.

La regolarità delle abitudini (per esempio dei pasti e del ritmo sonno/veglia), la prevenzione della sedentarietà, l'attenzione per la qualità dei cibi, la proposta di giochi e attività utili a stimolare i sensi, la fantasia e la creatività nonché l'attuazione dei consigli che il Pediatra è in grado di fornire specificamente a ogni bambino sono soltanto alcuni esempi che indicano come i genitori possono condurre per mano il proprio bimbo sulla strada del benessere per accompagnarlo in quel percorso meraviglioso che è la crescita fisica e psicointellettiva.

Dopo quasi un anno di duro lavoro, anche per i nostri campi è il momento di riposare un po’… con una piccola eccezione!

A dicembre solo uno specifico tipo di coltivazione è ancora attivo e – anzi – aspetta questo mese per il raccolto: si tratta degli agrumi. Le arance e i mandarini dei nostri campi spagnoli e siciliani sono le uniche protagoniste di questo mese!
Nel frattempo tutto il resto delle coltivazioni viene preparato per affrontare al meglio il periodo invernale. A causa delle basse temperature e della poca luce del sole, i campi non lavorano al 100%, ed è per questo che i nostri coltivatori adottano tre diversi metodi per far trascorrere l’inverno ai nostri campi nel miglior modo possibile.
Vediamo come:

 

Colture invernali
Vengono piantate in autunno (per esempio grano e colza), ma durante il periodo invernale subiscono una battuta d’arresto nella crescita, rimanendo “ferme” a una dimensione di circa 5 cm. Solo in primavera ricominceranno a crescere.

Colture “intermedie”
La semina avviene appena dopo l’ultimo raccolto e le piante crescono molto in fretta prima che inizi l’inverno. Queste – come per esempio la segale e i legumi – non sono destinate a essere raccolte, ma vengono ricoperte di terra per prevenire l’erosione del suolo e aumentarne la vitalità in vista della prossima semina.

 

Suolo incolto
Se l’ultimo raccolto avviene molto tardi, come succede per esempio con ilmais, il coltivatore non ha altra scelta che lasciare il terreno incolto. Un vantaggio di questo metodo è che il gelo può aiutare a migliorare la qualità della superficie del campo.

 

Condividi su:
www.mellin.it
Affrontare le coliche  Le coliche infantili, note anche con la denominazione di coliche gassose, sono... LEGGI TUTTO LEGGI TUTTO
Reflusso o rigurgito Sono molti i lattanti che vanno incontro a rigurgito e reflusso; l'elemento che fa la differenza... LEGGI TUTTO LEGGI TUTTO
Registrati e guarda i video correlati: Guarda i video correlati: guarda tutti i video
Vuoi ricevere al 6° mese del tuo bambino il kit gratuito per lo svezzamento direttamente a casa tua?
registrati subito
Accedi
Oppure inserisci i tuoi dati
Resta connesso